PIZZINI DELLA LEGALITÀ


Mercoledì 1 febbraio 2017 ore 10.00

Palazzo del Viminale Roma

Ore 10.00 Introduzione LUIGI CUOMO
Ore 10.20 Presentazione iniziativa LINO BUSÀ
Ore 10.40 Presentazione “Coppola Editore” ROSARIO ESPOSITO LA ROSSA 
Ore 11.00 Intervento del Commissario nazionale antiracket e antiusura Prefetto DOMENICO CUTTAIA
Ore 11.30 Conclusioni del Vice Ministro dell’Interno Sen. FILIPPO BUBBICO

Invito e programma

Il prefetto Domenico Cuttaia nuovo responsabile dell'antiracket e antiusura
Inviato da napoli1 il 23 Dicembre, 2016 - 17:39

Il prefetto Cuttaia, sostituisce il prefetto Santi Giuffrè, andato in pensione. La notizia, ha fatto felice i tanti imprenditori onesti che hanno denunciato il racket e l'usura perpetrato dalle mafie che nel frattempo li aveva messi in ginocchio. Per il responsabile dell'antiracket ed antiusura di SOS Impresa Luigi Cuomo, "esprimo la massima soddisfazione della sua organizzazione che finalmente vede ripartire il lavoro del comitato nazionale di solidarietà. Troppo tempo è trascorso dall'andata in pensione del prefetto Santi Giuffrè. Quindi, adesso bisogna rimboccarsi le maniche e riparare i danni dei mesi di ritardo accumulati"

Buone notizie sul fronte dell'antiracket: Domenico Cuttaia è il nuovo commissario straordinario nominato dal neo governo Gentiloni per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura. Il prefetto Cuttaia, sostituisce il prefetto Santi Giuffrè, andato in pensione. La notizia, ha fatto felice i tanti imprenditori onesti che hanno denunciato il racket e l'usura perpetrato dalle mafie che nel frattempo li aveva messi in ginocchio. Cuttaia, può sbloccare le centinaia di pratiche che giacciono sulle scrivanie a beneficio di chi aspetta un ristoro per i danni subiti. Contenti le associazioni antiracket ed antiusura come SoS Impresa il cui rappresentante Luigi Cuomo che “ esprimo la massima soddisfazione della sua organizzazione che finalmente vede ripartire il lavoro del comitato nazionale di solidarietà. Sono state già fissate le prime due riunioni del comitato il 3 e 4 Gennaio 2017 -racconta Cuomo- per recuperare tutti i mesi di fermo finora registrati. Ed aggiunge- siamo contenti di questa nomina perché il tempo trascorso dall'andata in pensione del prefetto Giuffrè, è stato troppo lungo e carico di gravi problemi per le vittime meritevoli di ristoro. Tutto il nostro impegno con il nuovo commissario, per riparare ai danni dei mesi di ritardo accumulati.”

Notiziario Finanziario/Lo Stato punta contro l'usura 25 milioni di euro

L’usura continua a tenere sotto scacco gli imprenditori, costretti dalle difficoltà economiche a mettere nelle mani di delinquenti non solo il futuro delle loro attività, ma le loro stesse vite. (...)

Per arginare questo dilagante fenomeno il Governo ha deciso di mettere a disposizione delle famiglie e delle aziende a rischio usura 25 milioni di euro nel 2017. La cifra, spiega il Ministero dell’Economia e delle Finanze, è stata erogata attraverso il Fondo di prevenzione dell’usura istituito presso il Dipartimento del Tesoro, a 36 associazioni e fondazioni del Terzo Settore. Coinvolti anche 125 Confidi, che a loro volta destineranno le somme ricevute a garanzia di finanziamenti a favore di famiglie e imprese che versano in condizioni di difficoltà economica e sono maggiormente esposte al rischio di cadere nella rete degli usurai. Favorendo l’accensione di prestiti del circuito bancario, lo Stato previene l’esclusione finanziaria di soggetti deboli, che potrebbero altrimenti diventare preda dei canali illegali del credito.

Come verrà ripartita questa somma? Il 70% delle risorse è destinato ai Confidi e il 30% alle Associazioni/Fondazioni no profit. I contributi sono ripartiti sulla base di una combinazione di indicatori che tiene conto sia dell’efficienza nella capacità di utilizzo dei fondi riscontrata in passato, sia dell’indice del rischio di usura presente nell’ambito territoriale dove opera l’ente assegnatario.

Associazione Pereira e SOS Impresa/Educare alla legalità
Percorso educativo multidisciplinare contro mafie e corruzione presso n. 4 classi dell’Istituto Scolastico Superiore Belluzzi-Fioravanti di Bologna.

Si è appena concluso il percorso educativo laboratoriale che ha visto l’entusiastica partecipazione di studenti e docenti ai moduli formativi che uniscono alle lezioni frontali l’utilizzo mirato del web e di stralci video, oltre ad importanti testimonianze dirette di ospiti quali familiari di vittime di mafia, vittime di pizzo, usura, gioco d’azzardo, ecc.
A questo proposito sabato 3 dicembre studenti e docenti hanno incontrato ANTONIO ANILE, ex imprenditore calabrese vittima di usura, Testimone di Giustizia, referente nazionale di SOS Impresa, che ha raccontato la propria storia di violenza, di dolore, ma anche di riscatto dal giogo mafioso dell’ndrangheta, e del suo attuale impegno di “imprenditore della Legalità e del Senso Civico”, in giro per gli istituti scolastici italiani per sensibilizzare ed informare le giovani generazioni.
L’incontro è stato molto apprezzato anche perché ha toccato l’allarmante fenomeno del bullismo, dentro e fuori le mura scolastiche.
Il progetto, promosso dall’Istituto, è stato realizzato dall’Associazione Pereira con la preziosa collaborazione di Confesercenti ed SOS Impresa.

Risultati questonario

Agropoli, Tommaso Battaglini eletto presidente Confesercenti Agropoli
L’agropolese Tommaso Battaglini, presidente di SOS Impresa Salerno, è stato eletto all’unanimità presidente Confesercenti di Agropoli. La riunione programmatica, alla presenza del commissario provinciale Pasquale Giglio e di 18 imprenditori agropolesi, si è svolta presso il ristorante “Villa Trentova” di Agropoli, dove per l’occasione, il commissario ha elencato la nuova mission di Confesercenti Salerno, con una serie di iniziative interessanti e servizi innovativi alle imprese.

Bookmark and Share
 
Giornale di Sicilia/Mafia ed estorsioni a Camporeale, due condanne e due assoluzioni
di Simona Licandro

PALERMO. Arriva la prima sentenza dopo l'operazione che portò all'arresto di alcuni presunti esponenti e estorsori della mafia di Camporeale. Il gup Fabrizio Molinari ha condannato a otto anni e otto mesi Raimondo Liotta e a cinque anni Vincenzo Carlo Lombardo.

...

Lombardo è stato condannato anche al risarcimento alle parti civili: Solidaria, Sos impresa, Addiopizzo, Centro La Torre, Fai.

© Riproduzione riservata



Nasce il "Centro Studi Legalità Finanziaria"

Dopo un'attenta riflessione sulla necessità di far emergere le criticità che determinano la diffusione di circuiti illegali del credito, il 7 dicembre, a Roma, è stato costituto il Centro Studi Legalità Finanziaria, promosso da Confidi, Associazioni e Fondazioni impegnati nel contrasto e prevenzione del fenomeno usurario nel Lazio, oltre che da altri soggetti specializzati in ambito economico, giuridico e finanziario.

 
Usura, 120 denunce in due anni: c'è ancora troppa paura di Enrica Canale Parola (Ciociaria Oggi)

Sora - I dati parlano chiaro: si denuncia poco e la priorità resta la prevenzione. È quanto emerso ieri pomeriggio, nel corso di un appuntamento che si è tenuto ieri pomeriggio nella sala consiliare del Comune. A portare i saluti dell’amministrazione c’era la consigliera Serena Petricca. Diverse le autorità militari e politiche presenti in aula, tra cui il consigliere regionale Mario Abbruzzese.

«L’associazione Provinciale Frosinone aiuti usura è l’articolazione territoriale di Sos impresa Nazionale, ciò significa che tutte le telefonate che arrivano al numero verde nazionale delle provinc e di Frosinone e Latina vengono portate alla nostra azione - spiega Gabriele Savona -. Noi svolgiamo un’attività capillare. Nell’ultimo biennio nei soli sportelli di Sora e Castelliri abbiamo avuto circa 120 famiglie con problemi di sovraindebitamento che si sono rivolti a noi. ...».



Il Resto del Carlino/A 83 anni a processo per usura
Avrebbe chiesto un interesse del 25% a un commerciante. SOS Impresa si è costituita parte civile.

Articolo completo


Bookmark and Share

Lotta al racket ed all'usura, patto tra Sos Impresa ed Amministrazione
di Alessandro Pirozzi
GIUGLIANO. Patto tra Amministrazione comunale e Sos impresa per contrastare il fenomeno dell'usura. La giunta Poziello ha dato il via libera al progetto per l'attivazione di una rete permanente di presidio antimafia.
In quest'ottica, a seguito di accordi intercorsi con il Segretario Generale del Comune e l'Assessore alla legalità Grauso, Sos Impresa ha presentato lo scorso agosto una proposta di sottoscrizione di Protocollo di intesa per realizzare un progetto volto a realizzare sul territorio comunale iniziative per sostenere e promuovere la cultura della legalità e prevenire e combattere il fenomeno dell'usura e del racket, dando sostegno alle imprese. Tra gli obiettivi c'è quello di istituire un Circolo della Legalità che favorisca incontri sistematici tra Istituzioni, enti locali, forze dell'ordine, parti sociali, sindacali, enti ed associazioni sportive, organizzazioni laiche e religiose, movimenti e comitati civici, parrocchie, scuole e singoli cittadini.
http://www.internapoli.it/50500/lotta-al-racket-ed-allusura-patto-tra-sos-impresa-ed-amministrazione



Afragola, in manette Antonio Nobile detto "O Panzaruttar"
Il 67enne si era presentato all'interno di un cantiere chiedendo agli operai di riferire al "Masto" di mettersi in regola. Poi la denuncia dell'imprenditore ai Carabinieri di Castello di Cisterna, che hanno condotto le indagini. Secondo Luigi Cuomo di SOS Impresa "Bisogna denunciare. E' l'unica via per uscire dal baratro"

“Mettetevi a posto con i compagni di Afragola”. Così si presentò all’interno di un cantiere edile Antonio Nobile 67enne detto “panzaruttar” di Afragola in provincia di Napoli. L’operazione lampo portata avanti dai carabinieri del nucleo operativo appartenenti al gruppo di Castello di Cisterna guidati dal maggiore Michele D’Agosto, ha permesso in tempo brevi di catturare l’uomo ritenuto il reggente delle estorsioni ad Afragola ed orbitante nella famosa orbita del clan degli afragolesi. Nobile, è stato catturato in mezzo alla strada, cioè in via Mozzillo nella sua nuova fiammante juke di colore nero. All’atto dell’arresto era da solo. Il provvedimento del fermo, è stato convalidato dal Gip che ha ritenuto valide gli indizi a carico del 67enne accusato di tentata estorsione aggravata dall’appartenenza ai padrini locali.

http://www.corrierequotidiano.it/1.55337/cronaca/1822/afragola-manette-antonio-nobile-detto-o-panzaruttar

Bookmark and Share

Usura: attivo a Bari servizio Confesercenti 'Sos Impresa'
(ANSA) - BARI, 28 OTT - Spingere gli imprenditori a denunciare gli usurai e non farli sentire soli nella battaglia per la legalità. Con questo obiettivo è nato a Bari il servizio di Confesercenti "Sos Impresa", inaugurato oggi nella Camera di Commercio alla presenza, tra gli altri del viceministro all'Interno, Filippo Bubbico. Nell'occasione si è tenuta una tavola rotonda, coordinata dalla giornalista Lorena Saracino, alla quale sono intervenuti mons. Alberto D'Urso, presidente della Consulta nazionale antiusura, Carmela Pagano, prefetto di Bari, Antonio Decaro, sindaco di Bari, Luigi Cuomo, presidente nazionale Sos Impresa, Benny Campobasso, presidente della Confesercenti di Bari, di Massimo Posca, presidente Sos impresa Terra di Bari.
   
Quei processi che non fanno notizia

di Bianca La Rocca

Nelle Aule del Tribunale di Vibo Valentia vi è un processo che non interessa nessuno. Eppure non si tratta di una bagatella locale che può essere risolta in poche sedute, ma di un complesso e delicato processo contro la ‘ndrangheta, nello specifico contro il clan Mancuso di Limbadi, operante nella zona di Vibo Valentia, una delle più pericolose nel panorama della criminalità organizzata, attiva ben oltre i confini della Calabria.

Processo scaturito a seguito dell’operazione Black Money (7 marzo 2013), che ha portato all’arresto di ventiquattro persone, accusate di associazione a delinquere di stampo mafioso e di numerosi altri reati. Oltre ai vertici storici della cosca, anche noti imprenditori vibonesi impegnati nei settori siderurgici e nei servizi turistici, nonché un funzionario dell'Ufficio tecnico del Comune di Tropea.

Nella stessa operazione, sono stati sequestrati beni, aziende e disponibilità finanziarie, per un valore di trentacinque milioni di euro, a conferma che ci troviamo di fronte ad una cosca pericolosamente ricca, in grado di inquinare diversi settori commerciali ed imprenditoriali.

Proprio per questo motivo SOS Impresa si è costituita ed è stata ammessa come parte civile, rappresentata dall’avv. Giuseppe Lavigna, in relazione ai reati che impediscono o ostacolano la libera iniziativa economica, quali sono l’estorsione e l’usura. 


ANSA/Usura: riapre a Palermo il Bar del Bivio
PALERMO - Il Bar del Bivio riapre a Palermo e dà appuntamento alle 10.00 di domani, sabato 8 ottobre, per un caffè condiviso, anche se l'attività non ripartirà proprio in questo fine settimana. Dopo avere trascorso 30 anni della sua vita, 10 dei quali a combattere contro l'usura e altri 20 contro il Tribunale, finalmente il Bar del Bivio torna in possesso di Emanuela Alaimo e della sua famiglia, al termine di una lunga e complicata storia dalle rocambolesche vicissitudini. "Sono caduta nell'usura per un errore del Tribunale - racconta Alaimo - sol perché mia madre è stata per sbaglio dichiarata fallita. Non avendo le possibilità economiche che mi consentissero di fare fronte all'immediato bisogno, sono finita nelle mani del solito 'amico', instaurando con lui un perverso rapporto finito con la denuncia nei suoi confronti".

Bookmark and Share
FUORI DAL COMUNE Lo scioglimento dei consigli comunali in Italia
Quanti comuni vengono commissariati ogni anno e perché? Succede di più al nord o al sud? Un approfondimento storico e regionale sullo scioglimento dei consigli comunali in Italia. Un fenomeno nazionale, ma con molte differenze territoriali.

Minidossier

Comunicato e gallery

Infografica



Bookmark and Share

Il Mattino/Bubbico lancia la «carta» anticamorra
«Modello di lotta a usura e racket, lo farò applicare anche in Calabria e Sicilia»
Nello Mazzone

POZZUOLI.Nel Mercato Ittico all’ingrosso di Pozzuoli, dopo il blitz dei carabinieri del comando provinciale di Napoli su ordine dei pm della Dda che stanno indagando sull’omicidiodiLuigiMatterael’ordinanza del sindaco Figliolia che dopo l’omicidio ha estromesso una ditta tra le imprese fornitrici dell’Ittico, torna il viceministro dell’Interno Filippo Bubbico. «Sono a Pozzuoli per testimoniare in concreto l’attenzione del governo sulla lotta allacamorra, chesi infiltra negli appalti pubblici e per lanciare il nuovo modello di lotta all’usura che punta sulla rete tra istituzioni,chiesa, associazioni e forze dell’ordine». È questo il commento del vice di Angelino Alfano, a Pozzuoli ieri mattina per partecipare alla tavola rotonda organizzata al Rione Terra dalla Fondazione Paulus, in collaborazione con il Comune di Pozzuoli, l’associazione «SOS Impresa» e la Caritas sul tema della prevenzione e del contrasto all’usura.

Articolo completo