Il commissario nazionale Antiracket dal prefetto. "Sostegno a chi subisce minacce"
Redazione 02 aprile 2017

Nella giornata  di domani il Commissario antiracket incontrerà in Prefettura  i componenti del "Nucleo Tecnico di Valutazione" che offrono un qualificato contributo di supporto al Prefetto in materia di quantificazione - ai sensi delle leggi 44/99 e 108/96 - dei danni subiti dalle vittime del racket e dell'usura, in relazione alle richieste di elargizioni e mutui avanzate dagli imprenditori che si sono opposti al pagamento del "pizzo" o al prestito usuraio.  Infine, parteciperà al convegno organizzato dal Coordinamento Regionale della Puglia di SOS Impresa-Rete per la Legalità presso il Salone della provincia per la presentazione dei “ I Pizzini della Legalità”.

DA BAR SEQUESTRATO AL COMMERCIALISTA ACCUSATO DI ESTORSIONI E USURA, A PRIMO SPORTELLO ANTI-RACKET
Consegnato all'associazione Sos impresa il bene confiscato a De Rosa di redazione

Chiuso da quando lo Stato ha vinto la sua battaglia contro Aniello De Rosa. Confiscato al commercialista stabiese accusato di usura al fianco degli uomini dei D’Alessandro, ospiterà il primo sportello anti racket a Castellammare. Con un decennio di ritardo rispetto a città come Ercolano o Portici, sapranno a chi rivolgersi i commercianti e gli imprenditori che subiscono estorsioni o finiscono nelle mani degli usurai. Il sindaco Tony Pannullo e il suo vice Andrea Di Martino hanno consegnato, oggi pomeriggio, un locale di fronte alla Cassa Armonica all’associazione Sos Impresa.
A MILANO, SOS IMPRESA: UNO SPORTELLO PER PREVENIRE RACKET E USURA

Milano 4 Aprile – Una scelta coraggiosa per prevenire la criminalità a Milano. La notizia è contenuta in un articolo di Affari Italiani e la proponiamo per la sua utilità: “Nel giorno in cui le Forze dell’ordine mettono i sigilli ai ristoranti della camorra, SOS Impresa, struttura legata a Confesercenti Milano e nata per contrastare il malaffare, ricatti e racket nel commercio, tira le somme e fa una scelta coraggiosa: aprire lo Sportello prevenzione racket e usura.

Per dare sostegno a quegli imprenditori che decidono di difendersi dal crimine che aggredisce commercio e artigianato nella grande Milano. “Un anno di impegno sul territorio – spiega Ferruccio Patti, presidente di SOS Impresa e animatore della “Rete per la legalità” – ci ha convinto ad aiutare gli imprenditori ad aiutarli a prevenire il crimine, per evitare che cadano nella rete malavitosa. Perché una volta in trappola i commercianti onesti rischiano di non poterne più uscire. Ci sono vere e proprie forme di schiavitù che colpiscono i commercianti e gli artigiani. Spesso chi, prima si offre di dare una mano, poi si rivela un cravattaro e un ricattatore”. “A Milano il fenomeno è diffuso ma è ancora difficile contrastarlo perchè sono ancora pochi gli esercenti che decidono di denunciare gli aguzzini, molti preferiscono pagare o cedere addirittura l’attività ai malavitosi per paura di conseguenze ancora più gravi”, spiega Patti.

AD ANGRI CONVEGNO SULLA LEGALITÀ CONTRO RACKET E USURA
Si è tenuto ieri domenica 2 aprile presso la Casa del Cittadino del Comune di Angri il convegno "Sportello Amico per la legalità".

A pochi giorni dall'apertura ad Angri dello Sportello "SOS Impresa, l'Amico Giusto", servizio di ascolto e di aiuto alle vittime o potenziali vittime di racket ed usura presso la Confesercenti Angri e provinciale di Salerno, si è tenuta ieri una giornata all'insegna della legalità per sensibilizzare e contribuire a riconoscere e contrastare tutti quei fenomeni che soffocano la libertà personale o d’impresa.

 
LE FRASI-CHIAVE DI MATTARELLA CONTRO LA MAFIA

Le frasi chiave dell'intervento del Presidente Serrgio Mattarella alla Giornata della Memoria e dell'Impegno contro le mafie.

  • La mafia "è ancora forte, è ancora presente. Controlla attività economiche, legali e illegali, tenta di dominare su pezzi di territorio, cerca di arruolare in ogni ambiente"
  • "Bisogna azzerare le zone grigie, quelle della complicità, che sono il terreno di coltura di tante trame corruttive".
  •  "Prosciugare le paludi dell'inefficienza, dell'arbitrio, del clientelismo, del favoritismo, della corruzione, della mancanza di Stato, che sono l'ambiente naturale in cui le mafie vivono e prosperano".


APRE AD ANGRI LO SPORTELLO "SOS IMPRESA- CONTRO RACKET ED USURA”
Firmato il protocollo d’intesa tra Comune di Angri, Confesercenti Angri, Confesercenti provinciale Salerno e SOS Impresa Salerno - Rete per la Legalità.

Presentato presso gli uffici del Comune di Angri, lil  progetto "SOS IMPRESA - L'AMICO GIUSTO CONTRO RACKET ED USURA", un progetto per la legalità che prevede la creazione ad Angri di uno Sportello di ascolto e di aiuto a favore delle vittime o potenziali vittime di racket ed usura. 

Il protocollo d'intesa è stato sottoscritto tra Comune di Angri, Confesercenti Angri, Confesercenti provinciale Salerno e SOS Impresa Salerno - Rete per la Legalità.



NASCE AD ANGRI "SPORTELLO AMICO, PER LA LEGALITÀ CONTRO IL RACKET E L'USURA"

Protocollo d'intesa tra Comune di Angri, Associazione SOS Impresa Salerno – Rete per la Legalità e Confesercenti Angri.

 La cittadinanza è invitata il giorno 21 marzo alle ore 12:00 negli uffici del Comune di Angri dove, alla presenza del sindaco Ing. Cosimo Ferraioli, del Presidente SOS Impresa Salerno avv. Tommaso Battaglini, del Presidente Confesercenti Angri Aldo Severino e del Commissario Confesercenti Provinciale Dott. Pasquale Giglio, sarà sottoscritto il protocollo d'intesa per la realizzazione del progetto "SOS IMPRESA SALERNO- L'AMICO GIUSTO" e verrà presentato il convegno fissato per il 2 aprile sulla "Legalità contro racket e usura", alla presenza dell'Onorevole Gioacchino Alfano Sottosegretario di Stato del Ministero della Difesa, del Presidente della provincia di Salerno dott. Giuseppe Canfora e del Commissario Regionale per le iniziative antiracket e antiusura, Sen. Franco Malvano.



ANGRI. SALERNO. CONFESERCENTI. LO SPORTELLO AMICO PER LA LEGALITÀ
Pubblicato il 21 mar 2017

Angri. Salerno. Confesercenti. Lo sportello amico per la legalità. Anche in città uno sportello di sussidio per chi ha difficoltà di usura e altre problematiche connesse...www.agro24.it _ Tiziana Zurro






L’USURA IN ROMAGNA È UNA PIAGA IN CRESCITA. IL CALVARIO DI UNA VITTIMA
Uno dei problemi che la crisi economica porta con sé è il ricorso sempre più frequente a finanziamenti fuori dai parametri di legge. L'intervista ad una vittima d'usura e ad un avvocato della rete SOS Impresa, l'avvocato Gaia Galeazzi: "L'usura è in aumento, anche se ancora oggi le vittime di questo reato hanno paura di denunciare". Nel riminese ci sono sia usurai che lavorano in proprio e sia con collegamenti con organizzazioni criminali. Servono più campagne di sensibilizzazione sul tema".

 





MAFIE, CAMORRE E GENERI DI CONTORNO


di Bianca La Rocca

 Il 2016 si è aperto con una serie importante di provvedimenti normativi, di pronunce giudiziali e di operazioni di polizia che, se letti in maniera sistematica, danno senza dubbio conto di come le Istituzioni nazionali abbiano riservato al contrasto alla criminalità organizzata un ruolo di assoluto rilievo, facendo convergere il proprio operato verso obiettivi comuni.

Si apre con queste parole la Relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia in riferimento ai dati del primo semestre del 2016, presentata nel gennaio scorso.



DENUNCIARE LE ESTORSIONI NON E' CORAGGIO, MA DOVERE CIVICO
di Tina Cioffo

CASERTA - La sua nomina è arrivata a dicembre ed in poco più di due mesi il prefetto Domenico Cuttaia come commissario straordinario del governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura, ha immediatamente dato una sua personale impronta. La sede era rimasta vacante dal mese di luglio e per cinque mesi il Comitato di solidarietà per vittime di racket ed usura non si era riunito, facendo inevitabilmente accumulare le istanze degli imprenditori estorti e sotto usura ed aumentando anche tutta una serie di aspettative che Cuttaia pare già in parte aver soddisfatto. Ieri pomeriggio a Parete, in occasione di un pubblico incontro organizzato dalla Federazione Antiracket Italiana, sono stati tracciate le attività di governo.



LA LEGGE 108/96. VENTI ANNI DOPO

di Lino Busà

Sono trascorsi più di venti anni dall'approvazione della Legge Antiusura.

Da quel marzo del 1996, quando, a Camere sciolte per l'interruzione della Legislatura, il Parlamento si riunisce in via straordinaria per approvare definitivamente la Legge 108.

Noi di SOS Impresa eravamo lì. A Piazza Montecitorio con un grande treno di cartone, del tutto simile a quello che per una settimana aveva attraversato l'Italia per dare voce alle vittime, per richiamare le Istituzioni e la politica alle sue responsabilità.



MAFIA, DALLA CAMERA OK DEFINITIVO ALLA GIORNATA IN MEMORIA DELLE VITTIME
01 marzo 2017
Via libera definitivo e unanime dell'aula della Camera alla istituzione della "Giornata nazionale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie", fissata per il 21 marzo, il primo giorno di primavera, di ogni anno. I voti a favore sono stati 418, nessun voto contrario. Bindi: l'esempio di quanti sono caduti, un patrimonio vivo "Abbiamo segnato un passo di grande valore simbolico nella lotta alle mafie.



ESTORSIONI, RESPINTA ISTANZA DI APRIRE AL PUBBLICO UDIENZA PRELIMINARE PROCESSO MANIACI

PALERMO - Sono quindici le parti civili costituite all’udienza preliminare a carico del direttore di Telejato Pino Maniaci, accusato di estorsione, e di 11 tra mafiosi ed estortori del clan di Borgetto (Pa) finiti in cella a maggio scorso. Il gup Gabriella Natale ha ammesso una serie di associazioni antiracket come SOS Impresa e la Fai, la Federazione Antiracket Italiana, il Comune di Borgetto, Confcommercio e Confesercenti ed alcune vittime del racket.  Il procedimento nasce da un’indagine della Procura di Palermo - pm Amelia Luise, Francesco Del Bene, Roberto Tartaglia e Annamaria Picozzi - a carico della cosca di Borgetto.





INTERESSI USURARI E RAPPORTI PENDENTI. PAROLA ALLE SEZIONI UNITE

Il fenomeno dell’usura sopravvenuta rappresenta uno degli argomenti più controversi del dibattito dottrinale e giurisprudenziale degli ultimi anni.

La questione presenta un particolare interesse, in quanto coniuga profili di indubbio rilievo dogmatico e aspetti eminentemente pratici; circostanze che rendono ancora più ineludibili la necessità di giungere a soluzioni interpretative ampiamente condivise.

A dispetto della chiarezza che la materia imporrebbe, negli ultimi anni si sono susseguite una pluralità di ricostruzioni del fenomeno in parola, sicché neppure le ripetute pronunce della Corte di Cassazione hanno consentito di fissare dei punti fermi.

Nell’annoso dibattito è intervenuta, da ultimo, l’ordinanza n. 2484 del 31 gennaio 2017, con la quale la prima sezione della Suprema Corte ha sollecitato l’intervento risolutore delle Sezioni Unite



TERRITORI OSTAGGI DEL RACKET

Territori ostaggi del racket di Silvia Rocchi

GR1 7 febbraio 2017

Intervista a Luigi Cuomo, Presidente SOS Impresa



INFO CILENTO/LA DENUNCIA. REATI DI USURA, NEL CILENTO TROPPA LENTEZZA NELLE INDAGINI
Redazione Infocilento

A rischio la crescita economica del territorio

La denuncia: reati di usura, nel Cilento troppa lentezza nelle indagini

“Troppa lentezza nelle indagini per i reati di usura nel territorio cilentano”. E’ quanto denuncia Tommaso Battaglini, presidente di Sos Impresa Salerno – Rete per la legalità.

Secondo l’avvocato agropolese “i ritardi e le lentezze delle Procure minacciano gravemente la crescita economica del territorio”. Di qui l’appello al Ministro della Giustizia Andrea Orlando affinché “si faccia al più presto luce su tali omissioni”.

Il grido d’allarme dell’avvocato Tommaso Battaglini non rappresenta un caso isolato. Di recente, infatti, l procuratore nazionale antimafia Franco Roberti ebbe a dichiarare che “nel Cilento non vi è presenza dello Stato”.


MATTARELLA PREMIA GLI “ESEMPI CIVILI”, SONO INSEGNAMENTO DI SOLIDARIETÀ

Si è svolta al Quirinale la cerimonia di consegna delle onorificenze dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana, conferite "motu proprio" dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il 12 novembre 2016, a cittadini distintisi per atti di eroismo e impegno civile.

Tra gli insigniti Rosario Esposito La Rossa, 28 anni (Napoli), Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana: "Per il suo impegno e la sua creatività in favore della legalità e del contrasto al degrado sociale".


I PIZZINI DELLA LEGALITÀ E L’ACCORDO QUADRO

di Luigi Cuomo

Nel 1984 a Trapani Salvatore Coppola, detto Licchia, fonda la casa editrice Coppola. Questa casa editrice edita i famosi Pizzini della Legalità. Nel 2013, Licchia muore e, nel 2016, Rosario Esposito La Rossa e sua moglie Maddalena Stornaiuolo rilevano la casa editrice Coppola e la portano a Napoli nel quartiere Scampia, dove già dirigono la casa editrice Marotta&Cafiero e animano l’associazione di impegno civile VO.DI.SCA. acronimo di Voci di Scampia.